Presentazione del CRISC

Dall’1 gennaio del 2016 Il progetto interistituzionale ”Centro Regionale per la raccolta dei dati sugli Incidenti Stradali in Calabria” e collaborando con forze dell’ordine e province, rileva, organizza e comunica i dati sull’incidentalità stradale nella Regione Calabria per mezzo di una piattaforma informatica on line e la creazione di report annuali asseverati dall’ ISTAT che approfondiscono i dati raccolti e ne garantiscono fruibilità e condivisione.

Attraverso tale sistema di rilevamento informatico, ciascun Comune può accedere ai dati degli incidenti stradali riguardanti il proprio territorio registrati dalla Polizia Locale, Carabinieri e Polizia Stradale, creando così una sinergia interistituzionale a supporto del governo del fenomeno dell'incidentalità stradale.
Tramite una rete di relazioni ed interscambio di dati fra tutte le Province calabresi sul tema della Sicurezza Stradale il progetto CRISC si propone come un punto di riferimento e di sollecitazione per le stesse politiche istituzionali e consentendo così di attuare un processo virtuoso di riduzione dell'incidentalità.

La mission del progetto CRISC si concretizza nelle seguenti azioni chiave:
• Raccogliere i dati sull’incidentalità Regionale forniti dalle forze dell’ordine.
• Analizzare il fenomeno e individuare i fattori di rischio presenti sul territorio.
• Fornire indirizzi per la pianificazione di interventi efficaci ed efficienti sulla sicurezza stradale.
• Monitorare e valutare l'efficacia degli interventi realizzati.
• Divulgare informazioni sullo stato della sicurezza stradale e degli interventi realizzati.

Il CRISC si occupa anche di collegare politiche e strategie di livello nazionale ed internazionale.
I progetti operativi del CRISC infatti tengono conto degli indirizzi normativi della Commissione Europea e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Le caratteristiche del CRISC sono state definite tenendo conto delle indicazioni ministeriali sui centri di monitoraggio regionali, che definiscono le categorie generali di azioni necessarie per l'avviamento dei Centri di Monitoraggio regionali:

• Sviluppo ed esercizio di Sistemi Informativi necessari per il funzionamento del Centro di Monitoraggio.
• Formazione e Diffusione dei risultati del Centro di Monitoraggio.
• Creazione di una Banca degli Incidenti, di una Banca dei Flussi di Traffico e di una Banca delle Strade

• Educazione e sensibilizzazione sul fenomeno dell'incidentalità.

Per ognuna di queste categorie di azioni sono state individuate delle attività specifiche che costituiscono un requisito prioritario per monitorare lo stato della sicurezza stradale a livello nazionale, per coordinare e controllare i processi di attuazione del PNSS* e per verificare i risultati conseguiti.